Prima Pagina
[Website in English]
Prima Pagina Universit di Sassari

Consapevolezza e responsabilità del rischio ambientale

13 Dicembre 2008, ore 08.30
Asilo Sella, Aula Magna piano terra
Lungomare Garibaldi, Alghero

Facoltà di Architettura, Università di Sassari, Corso di Laurea di Scienze dell’Architettura
Laboratorio Diver s City

"Ma lo sviluppo porta con sé anche problemi e difficoltà. […]Alcuni quartieri devono affrontare sempre più spesso inondazioni e allagamenti. Come la zona di Russei Keo: le ultime piogge hanno danneggiato tutte le abitazioni perché l'acqua non accenna a defluire e stagna, esponendo la popolazione al rischio di epidemie. Una novità rispetto a qualche anno fa, quando gli allagamenti si risolvevano spontaneamente in poche ore. Il problema è che il boom edilizio in corso non segue nessun piano regolatore. Le autorità cittadine non sanno o non vogliono controllare la trasformazione della città: sono troppo sensibili al potere del denaro e degli interessi privati. E così progetti faraonici, realizzati senza verifiche e studi di compatibilità ambientale, incoraggiano uno sviluppo anarchico che si estende a macchia d'olio".
La città a cui si fa riferimento in questo articolo del Cambodge Soir Hébdo del 30 ottobre 2008 e riportato dal settimanale Internazionale è Phnom Penh. Ma non sembra una storia già sentita o una descrizione nota? Per questo, in questo workshop, da urbanisti e architetti proviamo ad interrogarci su esempi più vicini, cercando di capire dove e quando comincia e finisce la responsabilità deontologica e la memoria - e quindi la consapevolezza - del rischio. Assenza che è radice di nuovi eventi ed emergenze. Che in futuro si devono evitare.

Obiettivo
Attraverso l’esperienza progettuale su casi studio in aree "complesse" ricavare spunti di riflessione che diverranno oggetto di confronto con gli esperti. Spunti utili alla discussione ma anche a definire alcune
indicazioni per informare e sensibilizzare sul concetto di progetto&contesto. L’obiettivo finale è definire e chiarire il ruolo del progettista messo a confronto con un contesto che non è "scenografia di sfondo" ma elemento e materia del progetto sia esso architettonico, urbano o paesaggistico.

Docenti e relatori
Silvia Rapicetta, geomorfologa, Università di Perugia
Paola Rizzi, urbanista, Università di Sassari
Tanja Congiu, ingegnere, Università di Sassari
Alessandro Salis, ingegnere idraulico
Salvatore Angelo Todde, geologo, Assessorato Difesa dell'Ambiente
Pietro Paolo Pittau, Assessorato Difesa dell'Ambiente
Guido Vecchione, magistrato

Programma
08.30 Registrazione delle presenze. Preparazione gruppi e consegna materiale
09.00 Inizio lavori Workshop: coordina Silvia Rapicetta
10:45 Arrivo ospiti e relatori. Consegna attestazioni e brochures
11.00 Consegna degli elaborati
11.15 Presentazione degli elaborati e inizio degli interventi

11.15 Prof.ssa Silvia Rapicetta Università di Perugia
11.30 Dott. Ing. Tanja Congiu Università di Sassari
11:45 Prof.ssa Paola Rizzi Università di Sassari
12.00 Geol. Salvatore Angelo Todde, Servizio Tutela del Suolo e
Politiche Forestali
12.30 Ing. Alessandro Salis PAI, studio associato SI.PR.AM.
12:45 Geom. Pietro Paolo Pittau Direzione Generale CFVA Servizio Protezione Civile e Antincendio
13:00 Dott. Guido Vecchione Magistrato

13.15 Saluto e ringraziamento agli ospiti. Pranzo
15.00 Rielaborazione dei lavori precedenti. Analisi e modifiche
18.00 Consegna ed esposizione degli elaborati
18.30 Conclusioni Paola Rizzi

Il workshop è organizzato da Paola Rizzi, Alberto Palmas, Luca Rondoni, Tiziana Correddu (segreteria) ed è
coordinato da Silvia Rapicetta.
Si ringrazia per la collaborazione e il materiale cartografico lo studio Archigrafica SNC.

Riconoscimento
A termine del workshop verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Silvia Rapicetta
Geomorfologa, dottoressa in scienze naturali e conservazione della natura, Adjunct Professor all'Università di Perugia al Corso di laurea in Attività di Protezione Civile, collabora in progetti di ricerca nazionali ed internazionali nell'ambito delle reti ecologiche, valutazione ambientale strategica e analisi geomorfologiche per la riduzione del rischio idrologico e idrogeologico. Membro del "COS Expertise" dal 1999, vincitrice del "Premio ASITA" nel 2000, vincitrice del "Senior Award for Earth and Environmental Sciences" della NATO nel 2004.

Paola Rizzi, urbanista, professoressa di analisi e progettazione urbana, dirige il laboratorio Diver s City che è partner del laboratorio internazionale GDMUCH-global disaster mitigation of urban cultural heritage con sede a Kyoto e organizza The future of the Past- International Workshop on Urban Gaming Simulation Design for Disaster Mitigation on Urban Cultural Heritage (Venezia,
2007-Bangkok, 2008-Trieste, 2009-Kyoto,2010).

Tanja Congiu, ingegnere e dottore di ricerca in progetto ambientale delle spazio, attualmente assegnista di ricerca presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi di Sassari dove svolge attività didattica. Ha partecipato e partecipa a programmi e progetti di ricerca in Italia e all'estero nel settore scientifico disciplinare della pianificazione territoriale, della pianificazione e del progetto dei trasporti e della mobilità, svolta in diverse università italiane ed estere. Ha redatto e coordinato piani e progetti a diverse scale territoriali, collaborando con studi italiani ed esteri.

Ing. Alessandro Salis
Ingegnere idraulico.
Ha partecipato alla stesura del Pai
Si occupa di opere idrauliche e di difesa del suolo

Geol. Salvatore Angelo Todde
Assessorato Difesa dell’Ambiente – Servizio Tutela del Suolo e Politiche Forestali
Responsabile Area Alta Professionalità
Si occupa di studi di difesa del suolo

Geom.Pietro Paolo Pittau
Assessorato Difesa dell’Ambiente – Direzione Generale CFVA Servizio Protezione Civile e Antincendio
Disaster Manager (DIMA) - Responsabile Colonna Mobile Regionale

Dott. Guido Vecchione, Magistrato

Iscrizioni
Rivolto alle studentesse e agli studenti di Architettura, Urbanistica, Pianificazione e Design con il contributo di diversi punti di vista e di esperti.

I posti disponibili sono massimo 30.
Registrazione online


File allegati

consapevolezza e rischio ambientale ( workshop consapevolezza.pdf 430.53 KB )